Acne ormonale e NMN: come i precursori NAD+ influiscono sulla produzione di sebo

4.8
(274)

L'acne ormonale, spesso definita acne adulta, è una condizione comune della pelle caratterizzata da sfoghi principalmente attorno alla mascella, al mento e talvolta alle guance e alla fronte. A differenza dell'acne adolescenziale tradizionale, che è spesso associata a un'eccessiva produzione di sebo innescata da cambiamenti ormonali durante la pubertà, l'acne ormonale tende a manifestarsi più tardi nella vita, in genere negli adulti tra i 20, i 30 e persino i 40 anni.

Introduzione: Comprendere l'acne ormonale

Cause e manifestazioni

Il principale colpevole dell’acne ormonale è uno squilibrio nei livelli ormonali, in particolare degli androgeni come il testosterone. Gli androgeni sono presenti sia nei maschi che nelle femmine e svolgono un ruolo cruciale nella regolazione della produzione di sebo. Quando i livelli di androgeni fluttuano, a causa della pubertà, dei cicli mestruali, della gravidanza o di altri fattori, possono stimolare le ghiandole sebacee a produrre più olio (sebo). Il sebo in eccesso, insieme alle cellule morte della pelle, possono ostruire i pori e creare un ambiente favorevole ai batteri che causano l'acne, portando a infiammazioni e sfoghi.

Importanza dell'equilibrio ormonale per la salute della pelle

Mantenere l’equilibrio ormonale è essenziale per la salute generale della pelle. Gli ormoni non influenzano solo la produzione di sebo, ma influenzano anche lo spessore della pelle, i livelli di idratazione e la capacità della pelle di guarire e rigenerarsi. Gli squilibri, dovuti a fluttuazioni ormonali naturali o a fattori esterni come stress, dieta e tossine ambientali, possono esacerbare i sintomi dell’acne e contribuire a problemi cutanei persistenti.

Introduzione a NMN e NAD+

La nicotinamide mononucleotide (NMN) sta guadagnando attenzione nel campo della cura della pelle e della dermatologia come precursore della nicotinamide adenina dinucleotide (NAD+). Il NAD+ è un coenzima presente in tutte le cellule viventi ed è coinvolto in vari processi cellulari, tra cui il metabolismo energetico e la riparazione del DNA. La ricerca suggerisce che i livelli di NAD+ diminuiscono con l’età, il che può avere un impatto sulla funzione cellulare e contribuire alle condizioni legate all’età, compresi problemi della pelle come l’acne.

Cos'è l'acne ormonale?

Cause e fattori scatenanti

L’acne ormonale è principalmente causata dalle fluttuazioni dei livelli ormonali, in particolare degli androgeni come il testosterone e il diidrotestosterone (DHT). Questi ormoni sono presenti sia nei maschi che nelle femmine, anche se in quantità diverse, e svolgono un ruolo cruciale nello stimolare le ghiandole sebacee a produrre sebo. Durante i periodi di squilibrio ormonale, come la pubertà, le mestruazioni, la gravidanza o disturbi ormonali come la sindrome dell'ovaio policistico (PCOS), le ghiandole sebacee possono diventare iperattive. Questa sovrapproduzione di sebo, combinata con la perdita di cellule morte della pelle, può ostruire i follicoli piliferi e portare allo sviluppo di lesioni acneiche.

Manifestazioni e spazi comuni

A differenza dell’acne adolescenziale, che spesso colpisce l’intero viso, l’acne ormonale tende a concentrarsi su aree specifiche. Le aree comunemente colpite includono la parte inferiore del viso, come la mascella, il mento e il collo, nonché talvolta il petto e la schiena. Questo modello riflette la distribuzione delle ghiandole sebacee che sono più sensibili alle influenze ormonali. Le lesioni ormonali dell'acne possono variare da piccoli comedoni (punti neri e bianchi) a papule e pustole più grandi e infiammate.

Impatto dello squilibrio ormonale

Mantenere l’equilibrio ormonale è fondamentale per la salute generale della pelle. Le fluttuazioni ormonali non influenzano solo la produzione di sebo ma influenzano anche altri aspetti della fisiologia della pelle. Gli squilibri possono portare ad un aumento dell’untuosità della pelle, ad un ispessimento della pelle e ad alterazioni del pH cutaneo, rendendo la pelle più incline alla colonizzazione batterica e all’infiammazione. Gli squilibri ormonali cronici possono contribuire all’acne persistente e possono esacerbare altre condizioni della pelle come la rosacea o la dermatite.

Influenze ormonali sulla produzione di sebo

Gli androgeni come il testosterone esercitano la loro influenza sulla produzione di sebo attraverso diversi meccanismi. Stimolano direttamente le ghiandole sebacee, aumentando la sintesi e la secrezione di sebo. Inoltre, gli androgeni possono alterare la composizione del sebo, rendendolo più spesso e più incline a ostruire i pori. Gli estrogeni, invece, possono avere un effetto modulatore sulla produzione di sebo, il che spiega perché i cambiamenti ormonali durante il ciclo mestruale possono influenzare le riacutizzazioni dell’acne nelle donne.

Importanza della valutazione ormonale

La diagnosi dell'acne ormonale spesso comporta un'accurata anamnesi, un esame fisico e talvolta test ormonali. Comprendere il profilo ormonale sottostante aiuta gli operatori sanitari a personalizzare le strategie di trattamento in modo efficace. Nei casi in cui vengono identificati squilibri ormonali (ad esempio, androgeni elevati nella PCOS), possono essere raccomandati interventi mirati come contraccettivi ormonali o farmaci anti-androgeni insieme alle terapie convenzionali per l’acne.

L'acne ormonale rappresenta una complessa interazione tra fluttuazioni ormonali, produzione di sebo e infiammazione della pelle. Riconoscendo gli specifici fattori scatenanti e le manifestazioni ormonali dell’acne ormonale, gli operatori sanitari possono affrontare meglio le cause sottostanti e fornire opzioni di trattamento più efficaci.

Nel contesto dell’esplorazione del potenziale ruolo degli NMN nella gestione dell’acne, la comprensione delle dinamiche ormonali diventa cruciale per valutare come l’integrazione degli NMN possa influenzare la produzione di sebo e, in definitiva, contribuire a una pelle più chiara e sana.

Il ruolo del NAD+ nella funzione cellulare

Introduzione al NAD+

La nicotinammide adenina dinucleotide (NAD+) è un coenzima vitale presente in tutte le cellule viventi. Svolge un ruolo fondamentale in numerosi processi metabolici essenziali per la funzione cellulare e la salute generale. Il NAD+ esiste in due forme: NAD+ e NADH, dove il NAD+ serve principalmente come agente ossidante coinvolto nelle reazioni redox critiche per il metabolismo energetico.

Funzioni di NAD+ nel corpo

Il NAD+ partecipa a diversi processi cellulari chiave, tra cui la glicolisi, il ciclo dell'acido tricarbossilico (TCA) e la fosforilazione ossidativa. Questi processi sono fondamentali per generare ATP, la valuta energetica primaria delle cellule. Oltre al metabolismo energetico, il NAD+ è coinvolto nel mantenimento della stabilità genomica attraverso il suo ruolo nei meccanismi di riparazione del DNA, nella regolazione delle risposte allo stress cellulare e nell’influenza sui percorsi di sopravvivenza cellulare.

Importanza del NAD+ nella salute della pelle

Nel contesto della salute della pelle, il NAD+ svolge un ruolo cruciale nel supportare la funzione barriera della pelle. La barriera cutanea agisce come uno scudo protettivo contro fattori di stress ambientale, agenti patogeni e perdita di umidità. NAD+ aiuta a mantenere l'integrità della barriera cutanea favorendo i processi di riparazione e rigenerazione cellulare. Ciò è particolarmente importante in condizioni in cui la barriera cutanea può essere compromessa, come acne, eczema o alterazioni cutanee legate all'invecchiamento.

NAD+ Diminuisce con l'età

La ricerca indica che i livelli di NAD+ diminuiscono con l’avanzare dell’età. Questo declino è stato associato a una ridotta funzione cellulare e a una maggiore suscettibilità alle malattie legate all’età. Nel contesto dell’invecchiamento cutaneo, la diminuzione dei livelli di NAD+ può contribuire a compromettere la funzione della barriera cutanea, a ridurre la produzione di collagene e a rallentare i processi di guarigione delle ferite.

Collegamento del NAD+ alle condizioni della pelle

Sono stati avviati studi per esplorare la connessione tra i livelli di NAD+ e varie condizioni della pelle. Ad esempio, le carenze di NAD+ sono state implicate in disturbi della pelle caratterizzati da compromissione della funzione barriera e infiammazione cronica. Il ripristino dei livelli di NAD+ attraverso l’integrazione o l’attivazione delle vie di sintesi del NAD+ si è mostrato promettente negli studi preclinici per migliorare la resilienza della pelle e ridurre l’infiammazione.

Potenziale del NAD+ nella gestione dell'acne

Mentre la ricerca diretta che collega i livelli di NAD+ all’acne sta ancora emergendo, i ruoli fondamentali del NAD+ nel metabolismo cellulare e nella funzione di barriera cutanea suggeriscono potenziali implicazioni per la gestione dell’acne. Supportando la produzione di energia cellulare e migliorando l’integrità della barriera cutanea, livelli adeguati di NAD+ possono aiutare a mitigare i fattori che contribuiscono allo sviluppo dell’acne, come la produzione eccessiva di sebo e l’infiammazione.

NAD+ è un attore fondamentale nel mantenimento della funzione cellulare e nella promozione della salute generale della pelle. Il suo declino con l’età sottolinea la sua importanza nei cambiamenti cutanei legati all’invecchiamento e nelle potenziali implicazioni per condizioni come l’acne. L’integrazione con NMN è promettente per l’avanzamento delle strategie di gestione dell’acne e la promozione di risultati più sani per la pelle.

NMN: il precursore del NAD+

Cos'è l'NMN?

La nicotinamide mononucleotide (NMN) è un nucleotide derivato dalla vitamina B3 (niacina) e funge da precursore della nicotinamide adenina dinucleotide (NAD+). L'NMN svolge un ruolo cruciale nel metabolismo cellulare facilitando la biosintesi del NAD+, essenziale per la produzione di energia e varie funzioni cellulari.

Sintesi e biodisponibilità

L'NMN può essere sintetizzato all'interno del corpo attraverso la via di recupero da altri metaboliti NAD+. Si trova anche in tracce in alcune fonti alimentari, sebbene il solo apporto alimentare sia in genere insufficiente per avere un impatto significativo sui livelli di NAD+. L'integrazione con NMN ha attirato l'attenzione per il suo potenziale di elevare i livelli di NAD+ in modo più efficace rispetto ad altri precursori grazie alla sua conversione diretta in NAD+ nelle cellule.

Ricerca a supporto della supplementazione di NMN

Gli studi hanno dimostrato che l’integrazione di NMN può aumentare efficacemente i livelli di NAD+ in vari tessuti, inclusa la pelle. Livelli elevati di NAD+ sono stati associati a una migliore funzione mitocondriale, a meccanismi di riparazione cellulare potenziati e a una maggiore resistenza allo stress ossidativo, tutti aspetti benefici per il mantenimento della salute e della resilienza della pelle.

Oltre il metabolismo energetico

Sebbene il ruolo primario dell’NMN sia nel metabolismo energetico attraverso la sintesi del NAD+, la ricerca emergente suggerisce implicazioni più ampie per l’NMN nei processi cellulari oltre la produzione di energia. Ciò include potenziali benefici nella regolazione dell’espressione genetica, nella modulazione delle risposte immunitarie e nel supporto della riparazione e rigenerazione dei tessuti, fattori rilevanti per la salute della pelle e che possono avere un impatto su condizioni come l’acne.

NMN nella salute della pelle

Nel contesto della salute della pelle, l’NMN è promettente come potenziale terapia aggiuntiva per condizioni influenzate dal metabolismo cellulare e dallo stress ossidativo, come l’acne. Ripristinando i livelli di NAD+, l’integrazione di NMN può supportare la capacità della pelle di gestire l’infiammazione, migliorare la funzione barriera e regolare la produzione di sebo, fattori chiave nella patogenesi dell’acne.

Considerazioni e direzioni future

Sebbene i potenziali benefici dell’NMN sulla salute della pelle siano promettenti, sono necessarie ulteriori ricerche per comprenderne appieno l’efficacia e il profilo di sicurezza, soprattutto in ambito clinico. Gli studi che esplorano i meccanismi specifici attraverso i quali l’NMN influenza la fisiologia della pelle, compreso il suo impatto sull’attività delle ghiandole sebacee e sullo sviluppo dell’acne, saranno essenziali per convalidare il suo potenziale terapeutico.

L’NMN rappresenta una strada promettente per migliorare i livelli di NAD+ e supportare la funzione cellulare, compresi gli aspetti critici per la salute della pelle. Poiché la nostra comprensione del ruolo dell’NMN nel metabolismo e nei processi cellulari continua ad evolversi, aumenta anche la sua potenziale applicazione nella cura della pelle e nella dermatologia.

Esplorare l’integrazione di NMN come strategia per modulare i livelli di NAD+ offre interessanti possibilità per migliorare la gestione dell’acne e promuovere il benessere generale della pelle.

Impatto dell'NMN sulla produzione di sebo

Meccanismo di azione

La potenziale influenza dell’NMN sulla produzione di sebo deriva dal suo ruolo nella regolazione del metabolismo cellulare e della produzione di energia attraverso la sintesi del NAD+. La produzione di sebo è controllata principalmente dall'attività delle ghiandole sebacee, che sono sensibili ai segnali ormonali e ai processi metabolici all'interno delle cellule della pelle. L'NMN, aumentando i livelli di NAD+, può modulare questi processi e influenzare l'attività delle ghiandole sebacee, influenzando così la produzione di sebo.

Collegamento dei livelli NAD+ all'attività delle ghiandole sebacee

La ricerca suggerisce che i livelli di NAD+ possono avere un impatto sulla funzione delle ghiandole sebacee. Livelli più elevati di NAD+ sono associati a un miglioramento della funzione mitocondriale e del metabolismo cellulare, essenziali per il mantenimento di un’attività ghiandolare ottimale. Supportando la produzione di energia cellulare e le vie metaboliche, livelli elevati di NAD+ possono aiutare a regolare la secrezione di sebo e migliorare l’equilibrio lipidico della pelle, riducendo potenzialmente l’incidenza di un’eccessiva produzione di sebo osservata negli individui a tendenza acneica.

Ipotesi su NMN e gestione dell'acne

Dato il ruolo del NAD+ nella salute della pelle e nella regolazione del sebo, si ipotizza che l’integrazione di NMN possa essere utile per la gestione dell’acne. Migliorando la disponibilità di NAD+, l’NMN può promuovere una funzione più sana delle ghiandole sebacee, ridurre l’infiammazione associata alle lesioni dell’acne e supportare le difese naturali della pelle contro la colonizzazione batterica. Questa ipotesi è supportata da studi preliminari che indicano che i precursori del NAD+ possono influenzare l’integrità della barriera cutanea e le risposte immunitarie, che sono fattori critici nello sviluppo dell’acne.

Prove da studi preclinici

Gli studi preclinici hanno fornito informazioni iniziali sui potenziali effetti dei precursori NAD+ sulla salute della pelle. Questi studi hanno dimostrato che l’aumento dei livelli di NAD+ attraverso l’integrazione di precursori può migliorare i meccanismi di riparazione cellulare, ridurre lo stress ossidativo e migliorare la resilienza complessiva della pelle. Sebbene gli studi specifici che colleghino direttamente l’integrazione di NMN alla gestione dell’acne siano limitati, questi risultati suggeriscono una logica per ulteriori indagini sui potenziali benefici terapeutici dell’NMN in condizioni dermatologiche caratterizzate da una produzione di sebo disregolata.

Rilevanza clinica e sfide

Tradurre i risultati preclinici nella pratica clinica pone sfide, tra cui la definizione di dosaggi ottimali, la valutazione della sicurezza a lungo termine e la dimostrazione dell’efficacia in diverse popolazioni di pazienti. Sono necessari studi clinici che valutino l’integrazione di NMN nella gestione dell’acne per convalidare i suoi potenziali benefici e chiarire i suoi meccanismi d’azione nella pelle umana. Inoltre, comprendere come l’NMN interagisce con i trattamenti per l’acne e le terapie ormonali esistenti sarà essenziale per sviluppare approcci integrati alla cura dell’acne.

Direzioni future

La ricerca futura dovrebbe concentrarsi sul chiarire i meccanismi specifici attraverso i quali l’NMN influenza la produzione di sebo e la patogenesi dell’acne. Sono necessari studi clinici controllati con disegni di studio rigorosi per valutare l’efficacia dell’NMN come terapia aggiuntiva per l’acne, in particolare nei soggetti con squilibri ormonali o disregolazione metabolica. Lo studio degli impatti più ampi dell’NMN sull’invecchiamento cutaneo, sull’infiammazione e sulla funzione di barriera contribuirà anche alla nostra comprensione del suo potenziale terapeutico in dermatologia.

Mentre stanno ancora emergendo prove dirette che collegano l’integrazione di NMN alla gestione dell’acne, i meccanismi sottostanti che coinvolgono il NAD+ e il metabolismo cellulare suggeriscono promettenti strade da esplorare. Migliorando la produzione di energia cellulare e sostenendo l’integrità della barriera cutanea, NMN può offrire nuove strategie per affrontare i problemi legati all’acne e promuovere la salute generale della pelle.

Evidenza clinica e ricerca futura

Revisione di sperimentazioni e studi clinici

Le attuali prove cliniche relative agli effetti specifici dell’NMN sulla gestione dell’acne sono limitate. La maggior parte delle ricerche sull’NMN si è concentrata sul suo ruolo nel metabolismo cellulare, nelle condizioni legate all’invecchiamento e nelle malattie neurodegenerative piuttosto che sulle applicazioni dermatologiche. Mentre gli studi preclinici hanno mostrato risultati promettenti per quanto riguarda i precursori NAD+ e la salute della pelle, gli studi clinici che valutano l’impatto diretto dell’integrazione di NMN sull’acne sono scarsi.

Limitazioni della ricerca esistente

Uno dei limiti principali è la mancanza di studi clinici ben progettati e controllati con placebo che indaghino l’efficacia e la sicurezza dell’NMN nel trattamento dell’acne. La complessità dell’acne come condizione multifattoriale che coinvolge fattori ormonali, genetici e ambientali pone sfide nell’isolare gli effetti specifici dell’NMN sulla produzione di sebo e sulla gravità dell’acne. Inoltre, la variabilità nei protocolli di studio, nei dati demografici dei partecipanti e nelle misure dei risultati complica l’interpretazione e la generalizzabilità dei dati.

Risultati emergenti e casi di studio

Nonostante la scarsità di studi clinici, rapporti aneddotici e casi di studio hanno evidenziato i potenziali benefici dell’integrazione di NMN nel migliorare la qualità e la resilienza complessiva della pelle. Gli individui che utilizzano NMN hanno riportato miglioramenti soggettivi nei sintomi dell'acne, tra cui riduzione dell'infiammazione, meno sfoghi e miglioramento della struttura della pelle. Sebbene le prove aneddotiche siano promettenti, per dimostrare queste affermazioni è necessaria una rigorosa convalida scientifica attraverso studi controllati.

Considerazioni sulla sicurezza

La sicurezza rimane una considerazione fondamentale nell’esplorazione dell’integrazione di NMN per la gestione dell’acne. L'NMN è generalmente considerato sicuro se utilizzato in modo appropriato, con effetti avversi minimi riportati negli studi clinici. Tuttavia, mancano dati sulla sicurezza a lungo termine, in particolare per quanto riguarda l’uso prolungato e le potenziali interazioni con altri farmaci o trattamenti. I medici e i ricercatori devono prestare attenzione e monitorare eventuali effetti imprevisti mentre le terapie basate sugli NMN vengono ulteriormente studiate.

Direzioni future della ricerca

Per migliorare la nostra comprensione del potenziale dell’NMN nella gestione dell’acne, la ricerca futura dovrebbe dare priorità a diverse aree chiave:

  • Prove controllate randomizzate: Condurre studi clinici ben progettati con campioni di dimensioni maggiori e durate più lunghe per valutare l’efficacia dell’NMN nel ridurre la gravità dell’acne.
  • Studi meccanicistici: Studio dei meccanismi molecolari specifici attraverso i quali l'NMN influenza la produzione di sebo, le vie infiammatorie e la funzione di barriera cutanea.
  • Diversità nelle popolazioni di studio: Includere diverse popolazioni di pazienti per valutare l’efficacia dell’NMN su diversi tipi di pelle, etnie e profili ormonali.
  • Terapie combinate: Esplorazione degli effetti sinergici dell'integrazione di NMN con i trattamenti per l'acne esistenti, come farmaci topici o terapie ormonali, per ottimizzare i risultati.

Sebbene le prove preliminari suggeriscano il potenziale dell’NMN nel modulare la salute della pelle attraverso la regolazione NAD+, è necessaria una ricerca clinica più approfondita per convalidare il suo ruolo nella gestione dell’acne. Affrontare le attuali lacune nelle conoscenze e condurre studi clinici rigorosi sarà essenziale per determinare l’efficacia, la sicurezza e le applicazioni terapeutiche ottimali dell’NMN in dermatologia.

Migliorando la nostra comprensione dei meccanismi dell’NMN e dei risultati clinici, possiamo potenzialmente ampliare le opzioni di trattamento per le persone che lottano con l’acne e contribuire a strategie di cura della pelle migliorate basate su prove scientifiche.

Conclusione: relazione tra acne ormonale, produzione di sebo e livelli di NAD+

L’acne ormonale, guidata dalle fluttuazioni dei livelli di androgeni, contribuisce ad aumentare la produzione di sebo e l’ostruzione dei pori, portando a lesioni acneiche principalmente sul viso, sul petto e sulla schiena. Comprendere queste dinamiche ormonali è fondamentale per sviluppare strategie efficaci di gestione dell’acne.

Potenziale dell'NMN nella regolazione dell'equilibrio ormonale e della produzione di sebo

La nicotinamide mononucleotide (NMN), come precursore del NAD+, è promettente nella gestione dell'acne modulando potenzialmente la produzione di sebo e supportando la salute generale della pelle. Migliorando i livelli di NAD+, l’NMN può migliorare il metabolismo cellulare, ridurre lo stress ossidativo e migliorare la funzione di barriera cutanea, fattori che possono influenzare la gravità dell’acne e le recidive.

Invito all'azione per ulteriori esplorazioni

Sebbene le basi teoriche per il ruolo dell’NMN nel trattamento dell’acne siano convincenti, le prove cliniche a sostegno della sua efficacia rimangono limitate. C’è un urgente bisogno di studi clinici ben progettati per valutare gli effetti specifici dell’integrazione di NMN sull’acne, compreso il suo impatto sulla produzione di sebo, sull’infiammazione e sulla qualità generale della pelle. Questi studi dovrebbero mirare a stabilire dosaggi ottimali, profili di sicurezza e potenziali interazioni con i trattamenti esistenti per l’acne.

Integrazione della NMN nella pratica dermatologica

Con il progredire della ricerca, l’integrazione della NMN nella pratica dermatologica potrebbe espandere le opzioni di trattamento per le persone che soffrono di acne, in particolare quelle con squilibri ormonali o acne resistente al trattamento. Dermatologi e operatori sanitari svolgono un ruolo fondamentale nel tradurre i progressi scientifici in raccomandazioni per la cura della pelle basate sull’evidenza che danno priorità alla sicurezza e all’efficacia del paziente.

Direzioni future e innovazioni

Guardando al futuro, la ricerca futura non dovrebbe concentrarsi solo sul potenziale terapeutico dell’NMN nell’acne, ma anche esplorare le sue applicazioni più ampie nella cura della pelle e in dermatologia. Lo studio dei meccanismi d’azione dell’NMN, l’identificazione dei biomarcatori della risposta al trattamento e l’esplorazione delle terapie combinate potrebbero aprire la strada a strategie personalizzate di gestione dell’acne su misura per le esigenze dei singoli pazienti.

Migliorare la cura e l’educazione dei pazienti

L’educazione e la consapevolezza sul ruolo di NMN nella cura della pelle sono essenziali per consentire alle persone di prendere decisioni informate sulla propria routine di cura della pelle. Promuovendo la collaborazione tra ricercatori, medici e pazienti, possiamo promuovere un approccio proattivo alla gestione dell’acne che integri terapie innovative come la NMN con i trattamenti convenzionali.

Conclusione

In conclusione, l’NMN rappresenta una frontiera promettente nel trattamento dell’acne e nella cura della pelle, sfruttando il suo ruolo di precursore del NAD+ per regolare potenzialmente la produzione di sebo e migliorare la salute della pelle. Con l’evolversi della comprensione scientifica e l’accumulo di prove cliniche, l’integrazione di NMN ha il potenziale per rivoluzionare la gestione dell’acne e migliorare il benessere generale della pelle. La ricerca continua e la validazione clinica sono fondamentali per sbloccare il pieno potenziale terapeutico dell’NMN e far progredire la cura incentrata sul paziente in dermatologia.

Quanto è stato utile questo post?

Clicca su una stella per valutarla!

Voto medio 4.8 / 5. Conteggio dei voti: 274

Nessun voto finora! Sii il primo a valutare questo post.

Jerry K

Il dottor Jerry K è il fondatore e CEO di YourWebDoc.com, parte di un team di oltre 30 esperti. Il dottor Jerry K non è un medico ma ha conseguito una laurea in Dottore in Psicologia; in cui è specializzato medicina di famiglia E prodotti per la salute sessuale. Negli ultimi dieci anni il dottor Jerry K è autore di numerosi blog sulla salute e di numerosi libri sulla nutrizione e sulla salute sessuale.

One thought to “Acne ormonale e NMN: come i precursori NAD+ influiscono sulla produzione di sebo

I commenti sono stati chiusi.